mercoledì, 22 Settembre, 2021

Searching for Italy: Stanly Tucci e il suo viaggio culinario in Italia

Con la sua docu-serie Searching For Italy, Stanley Tucci ha accompagnato l’America in un sensazionale tour dell’Italia.

In sei episodi, ha visitato regioni del nostro Bel Paese del nord e del sud, sfatando cliché e rivelando sorprese.

Uno show che si è rivelato di gran successo, forse anche per il peculiare momento storico che ha bloccato i viaggi internazionali.

E una seconda stagione è già stata confermata per il 2022. Andato in onda nel febbraio scorso sulla CNN International, ma visibile solo negli Stati Uniti, ora è possibile vederlo anche in Europa.

Grazie alle sue origini italiane (i suoi nonni arrivarono in America in nave, partendo dalla Calabria) e la grande passione per la cucina italiana, ha saputo raccontare la nostra grande tradizione culinaria incontrando personaggi famosi come lo chef stellato Bottura, passando dai genuini produttori di prodotti tipici italiani, fino ai luoghi perfetti dove gustare la nostra gastronomia autentica.

Al di là dei luoghi comuni e con grande intelligenza e rispetto, Stanley Tucci ha messo insieme un racconto tutto italiano destinato prima di tutto agli stranieri, ma che poi serve anche a noi per ritrovare persone e posti magari meno alla ribalta. Una passione, quella per la cucina, che aveva già mostrato in film come Big Night (1996) con Isabella Rossellini e Tony Shalhoub, e Julia & Julia (2009) al fianco di una Meryl Streep nei panni di una delle cuoche Più amate d’America.

Una diversità ambientale e culturale come poche al mondo

Parla così l’attore in merito al nostro bel paese: «Uno degli aspetti più affascinanti dell’Italia è la sua posizione geografica, che l’ha esposta nei millenni alle influenze di tanti popoli. E poi il suo clima, così vario dalle Alpi a Lampedusa. Non esistono molti altri Paesi al mondo con una diversità ambientale e culturale così vasta».

Alternando tradizionale e contemporaneo, rurale e cosmopolita, inglese e italiano, nel suo documentario Tucci indaga sui piatti e sulle usanze più familiari e meno conosciute. Niente cubetti di ghiaccio né bibite ghiacciate, nemmeno birra fresca, né latte per i bambini. Sono queste le prime cose che l’attore americano Stanley Tucci ricorda del suo anno passato a Firenze da adolescente.

Ma subito ripensa alla pizza e alla schiacciata che mangiava appena poteva, e alle cene preparate dalla madre attingendo al suo ampio repertorio di ricette americane, calabresi e fiorentine.

Verso sera i genitori lo spedivano nella bottega di fronte a casa. «C’era un’enorme botte con un tappo a rubinetto da cui riempivi il tuo fiasco di vino. Era quello che mio padre beveva a cena», racconta.

Tutte le tappe dell’Emilia Romagna

Nella splendida regione dell’Emilia Romagna, Tucci ha fatto tappa in diversi luoghi del Modenese, a Bologna, a Forlimpopoli e a Rimini:

  1. I migliori prodotti caseari – suggerito da chef Massimo Bottura:
    Caseificio Rosola– Via Rosola, 1083, 41059 Verucchia MO
  2. Il mix perfetto tra gourmet e arte firmato chef Massimo Bottura and la sua resident chef Jessica Rosval:
    Casa Maria Luigia– Stradello Bonaghino, 56, 41126 Modena
  3. La migliore mortadella:
    Salumeria Simoni– Via Drapperie, 5/2a, 40100 Bologna
  4. Il produttore di aceto balsamicopiù antico del mondo:
    Gran Deposito Aceto Balsamico Giuseppe Giusti – Strada Quattro Ville, 155, 41123 Modena
  5. Le radici della cucina italiana da Pellegrino Artusi:
    Casa Artusi– via A. Costa 23/27, 47034 Forlimpopoli FC
  6. I migliori cappelletti e strozzapreti:
    Osteria Io e Simone– Piazzetta Teatini, 3, 47921 Rimini

 

Se chiedete a qualsiasi italiano quale posto ha il miglior cibo in Italia, dopo la casa della madre, è probabile che vi indicherà la regione Emilia Romagna.

L’episodio “Bologna” di Searching For Italy, terzo della serie in sei parti, andrà in onda sulla CNN alle 9PM EST di domenica 28 febbraio 2021. Come già anticipato, anche se l’episodio è intitolato “Bologna”, Tucci visita una serie di altre città e paesi della regione. Ognuna di esse ha dato un contributo seminale al dominio della cultura alimentare della regione.

Anche se la pandemia ha messo la maggior parte dei viaggi internazionali con la chiusura delle frontiere e onerose restrizioni di viaggio, una volta che potremo viaggiare di nuovo ecco alcune delle località ispiratrici messe in mostra nell’itinerario di Tucci.

Seguendo Staley Tucci in Emilia

Bologna

Bologna, è nota non solo per la sua gastronomia di classe mondiale, ma anche come sede della più antica università operante ininterrottamente nel mondo occidentale. Come tale, la città è estremamente progressista, le sue strade vivono di studenti.

È una città ricca di tradizioni culinarie.

Le signore della pasta fanno ancora a mano la tripletta di pasta della città – tortellini, tortelloni e tagliatelle – da consumare nei ristoranti o a casa. La classica salsa bolognese e la mortadella sono conosciuta oltre Oceano con il nome della città delle Torri.  La piazza principale, Piazza Maggiore, è una delle più magnifiche di tutta Europa.

Ospita la Basilica gotica di San Petronio, la quinta chiesa più grande del mondo. Il centro storico ben conservato è circondato da pittoreschi edifici dai tetti rossi ed è a pochi passi dalle due iconiche torri medievali (entrambe pendenti), spesso citate nella letteratura e nella poesia come simboli della ricchezza e del prestigio della città.

Questa città di dimensioni giuste e a misura di pedone è piena di attrazioni culturali diverse (ad esempio, arte, musica, storia) e vanta più di 25 miglia di meravigliosi portici, i Portici di Bologna.

Costruiti in diversi periodi di tempo, sono stati nominati come patrimonio mondiale dell’UNESCO. Appena fuori dalla piazza principale si trova l’imperdibile, antico mercato all’aperto, il Quadrilatero.

È pieno di negozi che sono stati tramandati da una generazione all’altra, da un tempo in cui i sotterranei del negozio, simili a grotte, erano usati per mantenere i cibi al fresco. Mentre si cammina per le strade strette e acciottolate, e si sorseggia un aperitivo e si fa uno spuntino ad un tavolo all’aperto, gli aromi della carne e dei formaggi locali aleggiano nell’aria.

 Passando per Modena

I buongustai conoscono la città di Modena come la casa dell’Osteria Francescana, il ristorante a tre stelle Michelin di Massimo Bottura che si trova spesso in cima alle liste dei migliori ristoranti del mondo. Più recentemente, Bottura e sua moglie hanno aperto una proprietà boutique di 12 stanze, Casa Maria Luigia, che prende il nome dalla madre dello chef.

La provincia ha anche una ricca tradizione operistica, essendo la casa dell’amato tenore Luciano Pavarotti. Dopo la sua morte, il teatro dell’opera della città, aperto nel 1841, è stato rinominato in suo onore.

Gli appassionati di auto si innamoreranno di Modena, la Motor Valley italiana. Oltre ad essere la sede di case automobilistiche di fama mondiale, Ferrari, Lamborghini, Maserati e De Tomaso, ospita anche il Museo Enzo Ferrari, che mette in mostra la vita e le creazioni del gigante dell’automobile.

La città è circondata da pascoli con piccoli produttori di formaggi e il suo famoso aceto balsamico con due denominazioni protette: Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, e Aceto Balsamico di Modena IGP.

Giungiamo a Parma

Parma, la capitale della provincia di Parma, e la sua campagna circostante sono una mecca per i turisti del cibo.

La città è probabilmente più conosciuta per i suoi due prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), il Prosciutto di Parma e il Parmigiano Reggiano. Piccole fattorie e produttori accolgono gli ospiti per conoscere la produzione, la stagionatura e le tradizioni associate a questi prodotti eccezionali. I tortelli e gli anolini sono due delle specialità di pasta che si trovano in molti ristoranti e trattorie della città.

Questa zona è così dedita all’enogastronomia che ha una serie di musei dedicati, tra cui il museo del Parmigiano-Reggiano a Soragna, il museo del Prosciutto a Langhirano, il museo del Salame nel Castello di Felino, i musei del Pomodoro e della Pasta, il museo del Vino nella Rocca di Sala Baganza, il museo del Culatello nell’Antica Corte Pallavicina e il museo dell’Olio a San Secondo Parmense. Per la sua storica arte, musica e cultura, Parma è stata nominata Capitale Italiana della Cultura 2020.

Tappa obbligata a Forlimpopoli

Questa piccola città ha solo 13.000 abitanti, ma ha il suo castello e una ricca storia. Il suo figlio più famoso è Pellegrino Artusi, considerato il padre di quella che oggi chiamiamo cucina “italiana”.

Anche se tutte le ricette e le tradizioni in Italia tendono ad essere regionali, fu questo ex commerciante di seta e uomo d’affari che raccolse 475 ricette locali da amici e conoscenti in tutto il paese per creare e auto-pubblicare, La scienza in cucina e l’arte di mangiare bene.

Il libro e le sue ricette affinate nel tempo divennero così popolari che fu considerato una seconda bibbia per le famiglie italiane, spesso data come regalo di nozze per le nuove spose. Da allora è stato tradotto in spagnolo, francese, olandese, tedesco, inglese e, più recentemente, portoghese e polacco. Casa Artusi, una scuola di cucina e centro di gastronomia a Forlimpopoli rende omaggio all’uomo e alle tradizioni culinarie regionali italiane.

Rimini felliniana

Rimini è spesso considerata principalmente una località balneare per le sue ampie spiagge e la sua posizione privilegiata sul mare Adriatico, ma è piena di storia, arte e cultura.

I resti del punto di partenza della Via Emilia, la strada romana che attraversa l’Emilia Romagna da Rimini a Piacenza, si trovano a Rimini insieme a quelli di diversi ponti romani. Un sindaco dinamico ha rivitalizzato l’eredità del regista e figlio nativo, Federico Fellini, trasformando la città in un museo senza mura.

I visitatori possono vedere il Teatro Fulgor, il cinema che ispirò Fellini da ragazzo; una mostra sulla sua vita e la sua storia in una fortezza medievale, il Castello Sismondo; e il Grand Hotel Rimini che frequentava spesso.

Un elemento centrale della rivitalizzazione della città è stato il minuzioso restauro del Teatro Amintore Galli, aperto per la prima volta nel 1857. Durante la seconda guerra mondiale, più del 90% della struttura è stata distrutta, ma gli architetti hanno fatto affidamento su vecchie fotografie e disegni per ripristinare il suo splendore originale. Ora è un’importante risorsa culturale per gli abitanti e i visitatori.

A cura di Ilenia Pennacchio

0 Commenti

lascia un commento

FOLLOW US

INSTAGRAM